domenica 2 agosto 2015

Poesia di Mario LUZI


Vola alta, parola, cresci in profondità,
tocca ndair e zenith della tua significazione,
giacché talvolta lo puoi - sogno che la cosa esclami
nel buio della mente -
però non separarti
da me, non arrivare,
ti prego, a quel celestiale appuntamento
da sla, senza il caldo di me
o almeno il mio ricordo, sìì
luce, no ndisabitata trasparenza..

La cosa e la sua anima? o la mia e la sua sofferenza?

Nessun commento:

Posta un commento