mercoledì 28 gennaio 2015

Dio, la luna di padre David Maria Turoldo






Dio, la luna




(David Maria Turoldo, Il grande male)

Dio, la luna!

Dio, che luna:

fra cipresso e cipresso

dalla punta di Montalbano.

E io a vederla dalla finestra

del mio monastero

di mille anni!



Una luna mia vista!

Monaci si affacciano al poggiolo:

monaci di mille anni, guardate!



Dio mai si ripete

le cose sono sempre nuove:

nuova è la luce, nuova

la notte, il giorno

questo giorno

mai vissuto sulla terra!



Questa non è una luna,

è un globo di luce

portato da invisibili

mani di angeli

in un cielo

da riempire di grida e di canti.



Che l'uomo non sbarchi

mai più sulla luna!



Almeno fin quando

sulla luna possono

sbarcare vampiri.

Nessun commento:

Posta un commento