martedì 25 marzo 2014

Piccola nuvola di primavera di Ugo Betti



Piccola nuvola di primavera
Dopo l'acquata le nuvole, pronte,
pigliano il volo, scavalcano il monte.
Or, con la gonna di velo sottile,
la più pigra s'impiglia nel campanile:
"Lasciami, con codesta banderuola:
mi strappi tutta! Son rimasta sola!"
Ma il campanaro senza discrezione
le risponde col campanone!
che sobbalzo, che sgomento!
Per fortuna c'era il vento
che con tutta galanteria
la piglia e se la porta via.
E che brillio di vetri e foglie!
Quanti bimbi lungo il rio!
Quante vecchie sulle soglie!
Che festa, che chiaccherio!
Bimbi e rondini a strillare,
e bucati a salutare,
e ragazze alla finestra...
(Ugo Betti)

lunedì 24 marzo 2014

Sera d'aprile di Antonia Pozzi

 


ANTONIA POZZI
 
Sera d'aprile

Batte la luna soavemente
di là dei vetri
sul mio vaso di primule:
senza vederla la penso
come una grande primula anch'essa
stupita
sola
nel prato azzurro del cielo.

domenica 23 marzo 2014

Poesia - Emily Dickinson




Emily Dickinson

La primavera ritorna sul mondo.
Guardo l'aprile, che non ha colori
Per me, finché tu venga,
Come prima del giungere dell'ape
Restano inerti i fiori,
Destati all'esistenza da un ronzio.
(c. 1865)

giovedì 20 marzo 2014

LA PRIMAVERA poesia di UGO BETTI




LA PRIMAVERA
Quando il cielo ritorna sereno
come l'occhio di una bambina,
la primavera si sveglia. E cammina
per le mormoranti foreste,
sfiorando appena
con la sua veste
color del sole
i bei tappeti di borracina.
Ogni filo d'erba reca un diadema,
ogni stilla trema.
Qualche gemma sboccia
un pò timorosa,
e porge la boccuccia color di rosa
per bere una goccia
di rugiada...
Nei casolari solitari
i vecchi si fanno sulla soglia
e guardano la terra
che germoglia.
La capinera prova una canzonetta
ricamata di trilli
e poi cinguetta
come una scolaretta.
I grilli
bisbigliano maliziose parole
alle margherite
vestite
di bianco. Spuntano le viole...

A notte, le raganelle
cantano la serenata per le piccole stelle.
I balconi si schiudono
perchè la notte è mite,
e qualcuno si oblia
ad ascoltare quello che voi dite
alle piccole stelle,
o raganelle
malate di melanconia!

  poesia di UGO BETTI

mercoledì 19 marzo 2014

In un momento poesia di DIno Campana



In un momento
Sono sfiorite le rose
I petali caduti
Perché io non potevo dimenticare le rose
Le cercavamo insieme
Abbiamo trovato delle rose
Erano le sue rose erano le mie rose
Questo viaggio chiamavamo amore
Col nostro sangue e colle nostre lagrime facevamo le rose
Che brillavano un momento al sole del mattino
Le abbiamo sfiorite sotto il sole tra i rovi
Le rose che non erano le nostre rose
Le mie rose le sue rose

poesia di Dino Campana

domenica 16 marzo 2014

A te poesia di Josè Asuncion Silva


A TE

TU NON SAI, HO SOGNATO MOLTO

tra i miei sogni color d'ermellino,

ore di felicità col tuo amore,

baci ardenti, cauti sospiri

quando il giorno tinge d’ oro

quei luoghi che vedemmo insieme,

e la mia anima intraprende il suo volo

verso le regioni dell'infinito.

sabato 8 marzo 2014

Friedrich Rückert, Che lei è stata qui


Friedrich Rückert, Che lei è stata qui

Che il vento d'oriente
aliti nell'aria profumi,
è un segno lontano, un indizio
che tu sei stata qui.

Che qui lacrime scorrano,
riscelli che devi attraversare
se in questo prato vuoi entrare,
sono un segno per te, il solo indizio
che sono stato qui.

Bellezza o amore, qui
in strani nascondigli cì si occultano.
Soltanto lacrime e profumi annunciano
che sono stati qui.

mercoledì 5 marzo 2014

Goethe - da 'I dolori del giovane Werther'





'Quanti dolori potrebbero
risparmiarsi gli uomini
se essi, non mettessero
tanto impegno nel rievocare
con la fantasia il
ricordo di un male
passato piuttosto che
sopportare un monotono
presente'

da 'I dolori del giovane Werther' di Goethe

domenica 2 marzo 2014

Poesia di Friedrich.Ruckert

Roma, ottobre 2013


'Speranze dietro speranze
svaniscono, ma il cuore
continua sempre a
sperare; un'onda dietro 
l'altra si rompe, ma il 
mare non si esaurisce.

Che le onde si abbassino
e si sollevino, è questa
appunto la vita del mare;
e che si speri di giorno
in giorno, è così fatta la
vicenda del cuore.'

poesia di Friedrich.Ruckert