sabato 26 aprile 2014

Maggio di Giorgio Caproni



Al bel tempo di maggio le serate
si fanno lunghe; e all'odore del fieno
che la strada, dal fondo, scalda in pieno
lume di luna, le allegre cantate
dall'osterie lontane, e le risate
dei giovani in amore, ad un sereno
spazio aprono porte e petto. Ameno
mese di maggio! E come alle folate
calde dall'erba risollevi i prati
ilari di chiarore, alle briose
tue arie, sopra i volti illuminati
a nuovo, una speranza di grandiose
notti più umane scalda i delicati
occhi, ed il sangue, alle giovani spose.

1 commento:

  1. Giorgio , grazie di questa tua bella poesia che ci porta il sole di maggio e tutti i suoi doni, ma soprattutto l'ottimismo...++++

    RispondiElimina