domenica 30 dicembre 2012

Carlo Maria Martini



Signore Gesù,
che cammini sulla nostra terra e soffri le nostre povertà
per annunciare il comandamento della carità,
infondi in noi il tuo Spirito d'amore
che apra i nostri occhi,
per riconoscere in ogni uomo un fratello:
e finalmente diventi quotidiano
il gesto semplice e generoso
che offre aiuto e sorriso,
cura e attenzione al fratello che soffre,
perché in questo Natale
non facciamo festa da soli.
Amen.

di Caro Maria Martini

1 commento:

  1. In questi primi minuti festosi del 2013 vorei condividere virtualmente il mio brindisi con te Clicca qui
    augurandoti un buon anno sperando che ci porti tanta fortuna e salute
    un forte abbraccio.
    Tiziano

    RispondiElimina