domenica 6 novembre 2011

Tu hai chiamato di Sant'Agostino



Tu hai chiamato

(Sant'Agostino)


Tu hai chiamato, hai gridato,

e hai superato la mia sordità.

Tu hai sfolgorato,

e hai aperto i miei occhi.

Tu hai sparso i profumi,

li ho respirati

son corso dietro a te!



Io ti ho gustato,

e ho fame e sete di te.

Tu mi hai toccato,

e io brucio dal desiderio

della tua pace.

Quando sarò più vicino a te,

la mia sofferenza sarà finita.



O Signore, abbi pietà di me,

non nascondo le mie ferite;

tu sei il medico e io l'infermo.

Tu sei misericordioso,

e io tanto povero.

Donami ciò che tu comandi,

e poi comanda ciò che tu vuoi.

6 commenti:

  1. Grazie per averci ricordato questa chicca...molto bella

    RispondiElimina
  2. ciao a voi...e BUONA DOMENICA....
    CIAO..luigina

    RispondiElimina
  3. Agostino: universalmente riconosciuto come sommo pensatore!

    RispondiElimina
  4. Grazie Lui !!

    Baciotti by Pixia!! :)

    RispondiElimina
  5. Cara Luigina, questa preghiera di Sant'Agostino, ci aiuta a tutti ad avvicinarci a Dio, Lui ci più riempire l'anima e guarire delle nostre ferite.


    “Vivi ogni giorno come se fosse l’ultimo”, di solito il consiglio era questo, ma chi aveva l’energia sufficiente per farlo? E se pioveva o eri di cattivo umore? Era poco pratico. Molto meglio cercare di essere coraggiosi e audaci e cambiare le cose in meglio. Non proprio il mondo, ma il pezzettino intorno a te. Coltiva le amicizia, non tradire i tuoi principi, vivi intensamente, appassionatamente. (da Un giorno, David Nicholls)
    Ti auguro la più dolce buonanotte che una persona possa mai augurare…

    RispondiElimina