mercoledì 23 marzo 2011

Ho dormito con te tutta la notte di Pablo Neruda

Tutta la notte ho dormito con te,


vicino al mare, nell'isola.

Eri selvaggia e dolce tra il piacere e il sonno,

tra il fuoco e l'acqua.

Forse assai tardi

i nostri sogni si unirono,

nell'alto o nel profondo,

in alto come rami che muove uno stesso vento,

in basso come rosse radici che si toccano.

Forse il tuo sogno si separò dal mio

e per il mare oscuro

mi cercava

come prima,

quando ancora non esistevi,

quando senza scorgerti

navigai al tuo fianco

e i tuoi occhi cercavano ciò che ora

-pane, vino, amore e collera-

ti dò a mani piene, perchè tu sei la coppa

che attendeva i doni della mia vita.

Ho dormito con te,

tutta la notte, mentre

coi vivi e coi morti,

e svegliandomi d'improvviso

in mezzo all'ombra

il mio braccio circondava la tua cintura.

Nè la notte nè il sonno

poterono separarci.

Ho dormito con te

e svegliandomi la tua bocca

uscita dal sonno

mi diede il sapore di terra,

d'acqua marina, di alghe,

del fondo della tua vita,

e ricevvetti il tuo bacio

bagnato dall'aurora,

come se mi giungesse

dal mare che ci circonda.



Pablo Neruda (Parràl 1904 – Santiago del Cile 1973)





7 commenti:

  1. Credo che un po' di emozione la lettura di questa poesia la procuri anche ai cuori di pietra.

    RispondiElimina
  2. Concordo con Adriano, cara Lui.
    Una poesia così, entra dentro e lascia traccia.
    Grazie cara e buona giornata!
    Lara

    RispondiElimina
  3. Passato l'inverno questa bella poesia scoglie ogni dubbio, e emoziona fortemente il cuore
    Grazie Lui di averla pubblicata.
    Tomaso

    RispondiElimina
  4. "Forse assai tardi i nostri sogni si unirono"...
    "Forse il tuo sogno si separò dal mio"

    caspita se è bella questa poesia, ed è vero, è impossibile restare impassibili leggendola... grazie per averla pubblicata, ciao a presto!

    RispondiElimina
  5. Quanti sogni e che meraviglie leggendo Neruda... ricordo, sui banchi del Liceo, le sue poesie andavano a ruba tra noi ragazze: ce le passavamo per copiarle e rileggerle, e rileggerle e sognare.
    Grazie di avermi riportato indietro. NBacio

    RispondiElimina
  6. LUIGINA
    Ciao Neruda è il mio poeta preferito .
    Ho sempre divorato i suoi libri .
    le sue poesie mi lasciano sempre una grande emozione nel cuore .
    UN ABBRACCIO LINA

    RispondiElimina
  7. Un'altro bellissimo connubio tra arte poetica
    e pittura!

    RispondiElimina