mercoledì 19 gennaio 2011

Per chi a lungo è stato nella città rinchiuso di John Keats

Per chi a lungo è stato nella città rinchiuso,
Dolce è la bella guardare e aperta
Faccia del cielo, una preghiera esalare
Nel sorriso schiuso del firmamento azzurro.
E chi più felice, quando con la pace nel cuore
Stanco gli è concesso in un piacevole
Recesso d'erba ondulata leggere una storia
Gentile d'amore e di languore?
Per poi, tornando a casa la sera, l'orecchio
Echeggiante Filomela, l'occhio
Teso alla corsa lucente d'una nube veleggiante,
Rimpiangere la brevità del giorno speso:
Come il passaggio della lacrima d'un angelo
Quando cade per il chiaro etere in silenzio.


poesia di John Keats


3 commenti:

  1. parole profonde e poetiche
    buona giornata

    RispondiElimina
  2. Rimpiango sempre, non conoscendo l'inglese, perdere le sottigliezze poetiche di un testo nella lingua originale.

    RispondiElimina
  3. Luigina bello anche questo blog .
    E sempre una gioia venirti a trovare in questa tua bella casetta virtuale .
    Sai Luigina ! solo adesso ho fatto caso che abiti a Corsico ... ci sono stata molto volte perchè ho abitato per molti anni a Zingone sul naviglio . E Corsico è davvera una bella cittadina ..
    CIAO E BUON POMERIGGIO LINa

    RispondiElimina