domenica 16 gennaio 2011

Il vento di Antonia Pozzi

Il vento s'accanisce a sgomberare
una via azzurra e madida per sole:
le nubi fanno ala, riluttanti,
con occhiatacce livide. Qui in basso,
l'erba folta si torce e si rovescia
in brividi d'argento; io sono immersa
nell'erba fino alle ginocchia: vedo
i brividi lanciarsi verso me; li sento
fluire nel mio sangue, pazzi, insani;
assotigliarsi tutti ansiosamente
in un fremito solo che ha il tuo nome.

Milano, 28 maggio 1929

poesia Il vento di Antonia Pozzi

3 commenti:

  1. Ed eccomi subito qui a bearmi delle parole di questa mia amatissima poetessa.

    Grazie Luigina.

    RispondiElimina
  2. Io l'ho scoperta da poco. Versi accurati, densi di attenzione alla natura e di profondi significati morali.

    RispondiElimina
  3. Bella, intensa questa poesia: il vento e la natura che danno le sensazioni dell'amore.. grazie di averla proposta. Un abbraccio Luigina, a presto

    RispondiElimina