sabato 23 ottobre 2010

Quadro di Antonia Pozzi

I miei pensieri somigliano stasera
a quest'acqua ambina
che corre a passettini d'argento
deitro tutte le barche.
l'ombra del promontoria,
sul bianco mare,
bassa nota rauca
in questa sviolinata crepuscolare -
ha il colore abbrunato di un rimorso;
ma sulla punta,
- nitido come uno squillo battagliero -
l'ansito del faro palpita,
anelando al largo.

S. Margherita, 12 giugno 1929

poesia Quadro di Antonia Pozzi

giovedì 21 ottobre 2010

Nel mio cuore, di domenica di W. Szymborka

Ti ringrazio, cuore mio:
non ciondoli, ti dai da fare
senza lusinghe, senza premio,
per innata diligenza.

Hai settanta meriti al minuto.
Ogni tua sistole
è come spingere una barca
in mare aperto
per un viaggio intorno al mondo.

Ti ringrazio, cuore mio:
volta per volta
mi estrai dal tutto,
separata anche nel sonno.

Badi che sognando non trapassi in quel volo,
nel volo
per cui non occorrono le ali.

Ti ringrazio, cuore mio:
mi sono svegliata di nuovo
e benché sia domenica,
giorno di riposo,
sotto le costole
continua il solito viavai prefestivo.

giovedì 14 ottobre 2010

Mè parso udire il suono del tuo passo di Lalla Romano

M'è parso udire il suono del tuo passo

Ho percorso cercandoti del borgo
nella sera le tacite contrade

Ad ogni soglia siedono le donne
ed inerti nel grembo hanno le mani

Sul loro volto è un colore riarso
come la terra delle strade

Negli occhi vuoti si rispecchia
la chiarità del cielo.

domenica 10 ottobre 2010

Ho scelto te di S.Lawrence


Flowers
Flowers Comments



Nel silenzio della notte


io ho scelto te.

Nello splendore del firmamento,

io ho scelto te.

Nell'incanto dell'aurora,

io ho scelto te.

Nelle bufere più tormentose,

io ho scelto te.

Nell'arsura più arida,

io ho scelto te.

Nella buona e nella cattiva sorte,

io ho scelto te.

Nella gìoia e nel dolore,

io ho scelto te.

Nel cuore del mio cuore,

io ho scelto te.



S. Lawrence

sabato 9 ottobre 2010

Innamorati di Wislawa Szymborska

C'è un tale silenzio che udiamo
la canzone cantata ieri:
Tu andrai per il mondo, e io per la valle...
Udiamo - ma non ci crediamo.

Nel nostro sorriso non c'è pena,
e la bontà non è rinuncia.
E, più di quanto non meriti,
commiseriamo chi non ama.

Così stupiti di noi stessi,
cos'altro ci più mai stupire?
Né arcobaleno la notte.
Né farfalla sulla neve.

Ma addormentandoci
in sogno vediamo l'addio.
Però è un buon sogno,
però è un buon sogno,
perché c'è il risveglio.

giovedì 7 ottobre 2010

Cadenti dal cielo di Wistawa Szymborska


La magia se ne va, benché le grandi forze
restino al loro posto. Nelle notti d'agosto
non sai se la cosa che cade sia una stella,
né se a dover cadere sia proprio quella.
E non sai se convenga bene augurare
o trarre vaticini. Da un equilibrio astrale?
Quasi non fosse ancor giunta la modernità?
Quale lampo ti dirà: sono una scintilla,
davvero una scintilla d'una coda di cometa,
solo una scintilla che dolcemente muore -
non io sto cadendo sui giornali del pianeta,
è quell'altra, accanto, ha un guasto al motore.

lunedì 4 ottobre 2010

Imparando .. di J. L. Borges

http://astasia.files.wordpress.com/2007/05/diddl.jpg

Con il tempo si impara la sottile differenza fra sostenere una mano e incatenare un'anima,

e si impara che l'amore non significa andare a letto, e una compagnia non significa sicurezza

e uno comincia a imparare...

Che i baci non sono contratti e i regali non sono promesse e uno comincia ad accettare le sue sconfitte a testa alta e con gli occhi aperti e uno impara a costruire tutti i suoi cammini nell'oggi, perché il terreno di domani é troppo insicuro per far piani... e i futuri hanno la forma di cadere a metà.

E dopo, col tempo, uno impara che se é troppo,anche il calore del sole brucia.

Così uno pianta il suo giardino e decora la sua anima , al posto di aspettarsi che qualcuno porti fiori.

E uno impara che realmente può reggere, che uno é veramente forte, che uno realmente vale e uno può imparare. E impara...e ogni giorno impara.

Con il tempo impara che stare con qualcuno perché ti offre un buon futuro significa presto o tardi voler ritornare al passato.

Con il tempo capisci che solo chi é capace di amarti con i tuoi difetti, senza pretendere cambiarti, può offrirti la felicità che desideri.

Con il tempo ti accorgi che, se stai a fianco di questa persona solo per accompagnare la tua solitudine, irrimediabilmente finirai per non volere più vederla.

Con il tempo intendi che i veri amici sono contati e chi non lotta per loro, presto o tardi sarà circondato da false amicizie.

Con il tempo impari che le parole dette in un momento d'ira possono continuare a dolere a chi feristi tutta la vita.

Con il tempo impari che discolpare lo fa, pero perdonare, é solo delle anime grandi.

Con il tempo capisci che anche se sei felice con gli amici, un giorno piangerai per quelli che lasciasti andare.

Con il tempo ti rendi conto che tutta esperienza vissuta con ogni persona é irripetibile.

Con il tempo ti rendi conto che colui che umilia o disprezza un essere umano, presto o tardi, soffrirà le stesse umiliazioni o i disprezzi elevati al quadrato.

Con il tempo impari a costruire tutti i cammini sull'oggi, perché il terreno di domani é troppo incerto per fare piani.

Con il tempo capisci che far pressione sulle cose o forzarle a che succedano, occasionerà che alla fine non siano come speravi.

Con il tempo ti rendi conto che in realtà il meglio non era il futuro, ma il momento che stavi vivendo proprio in questo istante.

Con il tempo vedrai che anche felice con chi ti sta al fianco, ti mancheranno terribilmente quelli che ieri stavano con te e ora se ne sono andati.

Con il tempo imparerai che cercar di perdonare o chiedere perdono, dire di amare, di desiderare, di aver bisogno, dire di voler essere amico, di fronte ad una tomba, non ha più senso.

Però, sfortunatamente, solo con il tempo...

fortunatamente o sfortunatamente solo con il tempo...

ma quano tempo ancora ci divide? quanto tempo ancora ci vorrà? e sarà davvero così. voglio che sarà tutto così??