lunedì 29 novembre 2010

Passeggiatina serale di Antonia Pozzi


Questa sera, un giretto nelle strade
dove le ultime case si diradano
per fare un pò di posto al cielo aperto.
La macchina procede lentamente,
ingoiando la propria luce; intorno,
tanti lumi lontani, sparsi e bassi
come chiazze di primule nei prati.
La luna, un pò arrossata, ha sulla bocca
una pezzuola di vapori chiari
e sembra una romantica damina
che  morda il fazzoletto ricamato,
in una crisi di violento pianto.

3 commenti:

  1. Sentimento ed attenzione hanno creato alcune vivide immagini, invero.

    RispondiElimina
  2. Bella, come belle sono tutte le liriche di Antonia Pozzi.
    So che anche tu l'apprezzi, Luigina, visto le tante volte che l'hai inserita in questo blog, perciò mi permetto di segnalarti il post che ho inserito su di lei nel mio blog. Vieni?

    RispondiElimina