giovedì 7 ottobre 2010

Cadenti dal cielo di Wistawa Szymborska


La magia se ne va, benché le grandi forze
restino al loro posto. Nelle notti d'agosto
non sai se la cosa che cade sia una stella,
né se a dover cadere sia proprio quella.
E non sai se convenga bene augurare
o trarre vaticini. Da un equilibrio astrale?
Quasi non fosse ancor giunta la modernità?
Quale lampo ti dirà: sono una scintilla,
davvero una scintilla d'una coda di cometa,
solo una scintilla che dolcemente muore -
non io sto cadendo sui giornali del pianeta,
è quell'altra, accanto, ha un guasto al motore.

Nessun commento:

Posta un commento