mercoledì 16 giugno 2010

Antonio Machado, Solitudini



XI
Io vado sognando strade
nella sera. Le colline
dorate, i verdi pini,
le querce arse di polvere!...

Dove finirà la strada?
Vado cantando, viandante
al limite del pensiero...
-Sta per calare la sera-

-Dentro il cuore avevo
la spina di una passione;
riuscii a strapparla un giorno:
non più il mio cuore.'

Tutta la campagna resta
meditando, muta e buia,
un istante. Soffia il vento
tra quei pioppi del fiume.

Sempre più scura è la sera;
e la strada che serpeggia
e baincheggia debolmente
si fa oscura e scompare.

Torna a gemere il mio canto:
'Acuta spina dorata,
oh, potessi io sentirti
piantata dentro il cuore'.


Antonio Machado, Solitudini

1 commento:

  1. Le tue scelte poetiche sono sempre ottimali.
    Grazie Lui!

    RispondiElimina